martedì 21 febbraio 2023

Acquisti libreschi

Per la modica cifra di 16 euro, dalla fiera di Cesena cui accennavo nel post precedente ho portato a casa cinque libri, tra cui un romanzo di Irving e due della Rowling sotto pseudonimo (Il richiamo del cuculo è il primo della saga con protagonista Cormoran Strike).




 

Ma l'acquisto (fortuito) che più mi ha dato soddisfazione è questo qui sotto.

 


Per una curiosa coincidenza, proprio qualche giorno fa pensavo che quest'anno avrei voluto leggere Guerra e pace, e camminando tra gli stand di libri usati dei padiglioni della fiera l'ho trovato: una edizione Oscar Mondadori del 1990 in doppio volume (800 pagine ciascuno) del leggendario romanzo del grande scrittore russo. Non è che mi sono messo a scartabellare e a cercare negli scatoloni e negli espositori dei rivenditori, no, i due volumi se ne stavano appollaiati su una pila di libri e ci sono praticamente andato a sbattere contro. Bellissimo.

Approfittando del fatto che questa settimana sono in ferie mi ci sono subito tuffato e le prime 400 pagine le ho divorate tra ieri e oggi. Diciamo che non è un romanzo (neppure Tolstoj amava definirlo così), sembra più un oceano, ma ne scriverò meglio quando l'avrò finito.

9 commenti:

Guchi chan ha detto...

Guerra e Pace lo lessi al liceo, era nella lista delle letture consigliate per l'estate. Mi chiedo però se un liceale sia in grado di apprezzare in pieno un libro simile. Ricordo che mi piacque, ma che alla fine non ne potevo più delle descrizioni delle battaglie e le saltavo a piè pari. Immagino che letto a qualche decennio di distanza mi farebbe un altro effetto! I due Galbraith li ho letti, sono curiosa di sapere se a te piaceranno.

Andrea Sacchini ha detto...

Questa cosa di saltare le battaglie mi ha fatto sorridere. Parlavo di questo libro con uno dei miei contatti su twitter e anche lui mi diceva di averlo letto, di averlo apprezzato tantissimo ma di aver saltato le lunghissime pagine di descrizione delle battaglie. Evidentemente su questo versante Tolstoj è stato troppo prolisso (io per adesso mi sono solo imbattuto nella battaglia di Austerlitz e non ho notato questa cosa, ma andando avanti può darsi che pure io salti qualcosa) :-)

Per quanto riguarda i due Galbraith ti farò sapere :-)

Mafi ha detto...

Ciao. I due Galbraith, con protagonista Cormoran Strike, letti anni fa. Molto piacevoli, lui molto simpatico. Purtroppo ne hanno ricavato una serie televisiva, che dopo la primissima visione ho lasciato perdere. Sai, quando leggi un libro, e ti piace, ti immagini anche fisicamente i personaggi, e li fai tuoi. Poi li vedi in tv e ti cascano le braccia...
Comunque la lettura è consigliata.
Mafi

Gas75 ha detto...

"La via del male" è anche un romanzo di Grazia Deledda.
Io recentemente ho recuperato tutti i romanzi di Conan Doyle sul professor Challenger e tutto Sherlock Holmes (avevo qualcosa e ho deciso di integrare).
"Guerra e pace" visto come film e letto come parodia Disney, mi manca il romanzo.

Andrea Sacchini ha detto...

Ma certo, è così. E ho imparato che vale (quasi) sempre: film o serie tv ispirate a romanzi sono deludenti, tanto che io ho smesso di guardarli e mi limito ai libri.
Per quanto riguarda Galbraith, leggerò sicuramente Il richiamo del cuculo, il primo della serie, poi vedrò. Ma, in linea generale, ho trovato in giro pareri positivi.
Ciao Mafi.

Andrea Sacchini ha detto...

Non oso immaginare quanto dura il film...

Federica ha detto...

Il richiamo del cuculo lo avevo letto e mi era piaciuto, ma poi non ho letto i libri successivi... dovrei riprenderlo effettivamente!

Gas75 ha detto...

Quello con Henry Fonda e Audrey Hepburn circa 3 ore, ma ce n'è una versione soporifera russa che dopo due ore ho smesso di vedere.

Andrea Sacchini ha detto...

Qualche anno fa, di questa saga lessi Bianco letale e mi piacque molto, se tanto mi dà tanto...

Retorica di guerra

È noto, o almeno dovrebbe essere noto, che le parole hanno un peso. A maggior ragione ha un peso la loro associazione, anche se spesso, comp...