martedì 2 febbraio 2021

Corrado Augias e la mail

Stavo pensando che se, ipoteticamente, fosse possibile mettere uno sulle spalle dell'altro tutti quelli che ieri hanno perculato Corrado Augias per la vicenda della mail truffaldina, e una volta impilati gli si mettessero vicino, lui li guarderebbe sempre dall'alto.

19 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Bravo Andrea, sarebbe stato davvero difficile dirlo meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Siu, ma si sarebbe anche potuto dire meglio ;)

      Elimina
    2. ...mi è rimasto nella tastiera "con così poche parole" ;-))

      Elimina
  3. già, la vera statura delle persone non si misura in centimetri!
    massimolegnani

    RispondiElimina
  4. Stimo molto il Professor Augias. E' un bravissimo giornalista e un bravissimo scrittore.
    Ma l'obiettività mi impone anche una critica: nella sua risposta è palese un'accusa all'ENEL. Un professionista come lui, anche se con l'età che ha e anche se potrebbe essere fuori dal mondo delle nuove tecnologie e dei suoi pericoli, ha il dovere professionale di informarsi bene prima di scrivere. Chiedere a qualcuno dei colleghi/collaboratori.
    E, secondo me, ha anche il dovere di aggiornarsi. E dubito che per un giornalista sia difficile venire a contatto con i termini "phishing" e "truffe on-line".
    La sua redazione ha le stesse colpe. Si controlla prima di pubblicare.

    Insomma, sono un po' deluso. Non perché sia Augias, ma perché sarei deluso da qualsiasi giornalista professionista, soprattutto di quei livelli.

    Spero che con la sua solita signorilità e professionalità saprà rimediare con un articolo di rettifica e con le dovute scuse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non erro, credo l'abbia fatto, o almeno mi pare di aver letto così.
      In ogni caso, credo che la sua "leggerezza", che evidentemente c'è stata, non giustifichi la valanga di prese in giro condite a insulti che gli sono piovuti sui social. Anche se, questo è noto, i social sono quello che sono.

      Elimina
    2. Certo. Non mi sono espresso sugli insulti nei social perché quello che sono i social è un argomento trito e ritrito. Trovo inutile anche continuare a parlarne. E' uno dei grandi fallimenti dell'Istruzione Nazionale italiana.

      Elimina
  5. Ha sbagliato, certo, ma sembra proprio che alcuni non aspettassero altro. Ma cosa vogliamo aspettarci da un Paese in cui, nonostante tutto, il primo partito è la Lega?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla, e il fatto che la lega sia il primo partito è uno dei risultati del fallimento dell'istruzione cui accennava qui sopra Maurizio.

      Elimina
  6. E comunque, come altri prima di me hanno notato, nessuno ha letto la sua risposta prima di mandarla in stampa? Trovo la mancanza di verifiche riguardo agli articoli pubblicati molto più grave di una persona di una certa età che cade in un tentativo di phishing (parliamo di tutti quelli molto più giovani e meno autorevoli che ci cadono quotidianamente XD).

    RispondiElimina
  7. Possono percularlo finchè vogliono, Augias resterà sempre, non un gradino, ma una scalinata sopra loro.
    Cri

    RispondiElimina
  8. Augias è un signore, e le chiacchiere gli sono scivolate serenamente addosso... da quale pulpiti poi!.. ;)

    RispondiElimina
  9. Concordo con tutti i commenti precedenti e aggiungo:
    Ma come si sono permessi? Chi sono questi ominidi che al cospetto di un Uomo di cultura come Augias, dovrebbero ammutolire e ascoltare?
    Basta, smettiamo di dare loro, spazio e visibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la visibilità se la danno da soli tramite i social.

      Elimina
  10. Errare humanum est, sed Augias is the best, anyway.

    RispondiElimina

Mancanze

Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello se a vivere, e soprattutto a commentare, questo tempo assurdo ci fosse ancora Umberto Eco.