mercoledì 28 settembre 2016

Il film anti vaccini in Senato

Forse non c'è granché da scandalizzarsi per l'iniziativa di tale senatore Bartolomeo Pepe, e cioè proiettare in Senato un film anti vaccini, realizzato da un "medico" già radiato dall'albo per aver falsificato dati che avrebbero dovuto provare fantomatiche correlazioni tra vaccini e autismo - correlazioni, come è noto, smentite ormai da anni da ogni organismo sanitario al mondo.
Non c'è da scandalizzarsi perché ormai da tempo il Parlamento non è più permeato da quell'aura di austera serietà e autorevolezza che gli era propria fino a qualche decennio fa. Ormai anche il bar della più malfamata frazione della penisola può essere elevato a termine di paragone, perché in Parlamento in questi ultimi lustri abbiamo visto, e continuiamo a vedere, gli stessi spettacoli che appunto si vedono ogni giorno al bar: urla, zuffe, risse, parolacce, insulti, lanci di oggetti, di ortaggi; abbiamo visto parlamentari innalzare cappi, lanciare pesci, mangiare mortadella alla caduta di un governo, proporre interrogazioni sulle scie chimiche. E adesso ci si stupisce perché vi viene proiettato un film che fa l'apologia di una bufala conclamata?
Da queste parti ci si stupisce semmai che ci sia voluto tanto.

Aggiornamento.
Pietro Grasso, lode a lui, si è impuntato e la proiezione è stata annullata.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

non fare demagogia. Il senato è un luogo di cittadini democraticamente eletti dal popolo sovrano che si impegna per superare i gravi ostacoli che la natura impone.
Renzi, un grande uomo, è stato l'unico politico degli ultimi tempi ad aver permesso una forte crescita economica del Paese. Ci sono regioni in Italia in cui la crescità economica è superiore al 5% sul pil. pensiamo per esempio all'emilia-romagna, alla lombardia, al veneto in cui non esiste più la disoccupazione, in cui tutto fila liscio e questo grazie a renzi.
in Emilia in particolare il pil sfiora quello della Cina. Si tratta di imponenti sviluppi economici a cui dobbiamo ringraziare sicuramente Renzi.
il Senato fa il suo compito ed è giusto che la gente sappia i rischi che corre con i vaccini.

Andrea Sacchini ha detto...

Ciao, "anonimo". Il tuo commento lo lascio, un po' di buon umore ogni tanto ci vuole :-)

Francesco ha detto...

Ringraziamo Grasso anche se la censura mi lascia un po' perplesso.