sabato 3 dicembre 2022

Rompiballe

Ebbene sì, sono un rompiballe. Mi piace, ovunque sia possibile, effettuare ogni transazione col bancomat. Lo trovo di una comodità unica: appoggio la carta al lettore, bip, fatto. Comodità derivante dal fatto di non dover impazzire a cercare gli spiccioli giusti per arrivare all'importo e, nel contempo, non fare impazzire il cassiere a cercare gli spiccioli giusti per il resto. Poi, per carità, questione di gusti e abitudini; chi preferisce usare monete e banconote, liberissimo, ma non capisco perché gli amanti del bip debbano essere additati come rompiballe.

La questione di fondo, in realtà, è se Salvini dica la sua fesseria quotidiana per tentare di inseguire le idee dei suoi elettori ormai definitivamente in fuga oppure tale fesseria quotidiana sia il prodotto della sua sostanza più profonda, e cioè una radicata e incontrovertibile idiozia. Temo sia un dilemma che resterà. Così come resterà la quasi certezza che, fra duecento anni, gli storici che si occuperanno della nostra epoca si chiederanno come sia stato possibile che un cialtrone di tal fatta abbia goduto, pur per un periodo tutto sommato limitato di tempo, di credito e visibilità.



11 commenti:

  1. Anch'io pago tutto con il bancomat e per fortuna a Bologna si può da tempo senza reclami da parte di nessuno.
    Ciao lettore accanito... sei tu, lo so, ad alzare la media nazionale dei lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, non so se alzo la media nazionale, ma nel mio piccolo un contributo forse lo do.
      Ciao Sari :-)

      Elimina
  2. Io oramai pago in contanti soltanto fino a 10€. Però ho disabilitato la lettura "all'appoggio": la carta va inserita e DEVO/VOGLIO digitare il pin, per una questione di sicurezza, dato che mi hanno già rubato una volta il portafogli con dentro anche la carta Bancoposta...
    Salvini rimedia una figuraccia dopo l'altra, non credo lo faccia apposta. 😅

    RispondiElimina
  3. fra duecento anni, gli storici che si occuperanno della nostra epoca si chiederanno come sia stato possibile che un cialtrone di tal fatta abbia goduto, pur per un periodo tutto sommato limitato di tempo, di credito e visibilità.

    per altro gli storici attuali si stanno chiedendo come altri cialtroni di tal fatta siano riusciti a governare l'Italia (e non solo) nemmeno cento anni fa

    RispondiElimina
  4. Io uso il bancomat da tempo immemore, per comodità mia. Ho rinunciato ad andare in un negozio per animali, dove uscivo con borsate di roba, perché il tipo si lamentava delle commissioni. Certo non mi sogno di usare il bancomat per un caffè o dal fornaio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, sai, è solo questione di abitudine. Anni fa sono stato alcuni giorni a Graz, in Austria, dove mia figlia maggiore era in Erasmus con l'università, e là solo pos. Lo usano tutti anche per un bicchiere d'acqua al bar, e anzi se là ti presenti con le banconote ti guardano anche storto. È una questione culturale, di mentalità.

      Elimina
  5. Anche io sono una "rompiballe", sono anni che pago tutto con il bancomat. La comodità di uscire di casa senza stare a controllare se ho i contanti in borsa per la spesa, o per acquistare un capo di abbigliamento, o due/tre libri... è impagabile.
    Da ora in poi se il negoziante non accetterà il bancomat, dove è possibile, lascio e me ne vado.
    Buona domenica. Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io faccio così, da molto tempo evito gli esercizi che fanno storie per il pos.
      Buona domenica (o di ciò che ne resta) a te, Mafi.

      Elimina
  6. E soprattutto, visto che non ci sono problemi più seri in Italia, mi sembra giusto stare a fare questioni sul pos.

    RispondiElimina

Manifestazioni

Mi pare di averlo già scritto in altre occasioni. Non condivido questo modo di manifestare, pur condividendone in questo caso le...