giovedì 22 dicembre 2022

Talebani di là e di qua

In Afghanistan, dal 2021 tornato in mano ai talebani dopo vent'anni di controllo americano, è stato vietato alle donne l'accesso alle università, sia pubbliche che private. Anche qua in Italia, dove i talebani non ci sono, almeno formalmente, c'è chi vorrebbe vietare l'università alle donne, come ad esempio il ridicolo reazionario cattolico travestito da intellettuale Camillo Langone, una delle penne di punta del Foglio (e dove mai potrebbe scrivere uno così?), il quale, senza tanti giri di parole, vergò qualche tempo fa una accorata esortazione ai padri: non mandate le vostre figlie all'università, le donne devono stare in casa a fare figli, altrimenti il declino demografico e blablabla. 

Questo per dire che i talebani non sono solo quelli col mitra a tracolla che spadroneggiano in lontane dittature teocratiche, sono anche qui, nascosti sotto le mentite spoglie di fini intellettuali in giacca e cravatta.

9 commenti:

  1. Un brividi di terrore mi ha attraversato leggendo questo ... e subito il pensiero è andato "all'Ancella"... nemmeno una ipotesi così lontana. Basta vigilare sempre

    RispondiElimina
  2. Lo stesso pensiero di un mio ex docente universitario, che scosse la testa firmando un 30/30 sul libretto di una studentessa, oltre a essere piuttosto scostante e sarcastico col gentil sesso.
    Epilogo: l'hanno poi fatto preside! 🙄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente, in alcuni casi la misoginia aiuta in carriera.

      Elimina
  3. Solo che qua uno così lo perculano, in Afghanistan invece lo seguono. Noi non siamo come loro, abbiamo tutti i nostri difetti, ma non c'è paragone con certi regimi, la Storia ha un suo percorso.

    RispondiElimina
  4. Beh, gli auguri sono sempre ben accetti.
    Contraccambio, Valeria :-)

    RispondiElimina
  5. Sì, lo perculano. Ma a me non impensierisce tanto il singolo, quanto il seguito che ha il singolo. Seguito magari minoritario rispetto al totale, ma comunque sempre fin troppo sostanzioso.

    RispondiElimina
  6. Che tristezza leggere alcune notizie.... e peggio ancora alcuni commenti,quanto fanno male!

    Ma poi onestamente non capisco l' utilità di certe notizie se non darne una dimostrazione paradossalmente propagandistica della notizia stessa che si guarda bene da un seguito magari minoritario,esercitandolo già di suo.

    Ti lascio un sorriso Andrea e un Augurio di Buone Festività...

    RispondiElimina
  7. > Ma poi onestamente non capisco l' utilità di certe notizie

    Se ti riferisci a me, ti rispondo dicendoti che io nel mio blog non do notizie, quello lo fanno i siti di informazione. Molto più semplicemente, io commento ed esterno i miei pensieri riguardo alle cose che leggo e mi colpiscono. Tutto qua.

    Buone feste anche a te.

    RispondiElimina

Schlein ha qualcosa da dire?

Temo che su questa cosa qui Elly Schlein non potrà restare in silenzio troppo a lungo. D'altra parte Giorgia Meloni, a cui non sembrava ...