venerdì 19 agosto 2022

Farsi curare dai negri

Al pronto soccorso di Lignano Sabbiadoro arriva, nella notte, un'ambulanza. Dentro c'è un sessantenne con lesioni multiple, conseguenza di una rissa. A riceverlo c'è il medico Andi Nganso, 36 anni, originario del Camerun, arrivato in Italia a 19 anni e laureato in medicina e chirurgia. Il 60enne lo vede e gli intima di stargli lontano, potrebbe attaccargli delle malattie. Poi aggiunge: "Preferirei due costole rotte piuttosto che farmi curare da un negro."
Il medico lo cura, poi va a sporgere denuncia.

È un episodio isolato, naturalmente, ma sintomo di una mentalità aberrante molto diffusa che non si riesce in alcun modo a estirpare. E quello che più fa paura e rabbia è che alle prossime elezioni la destra che, salvo sorprese, andrà al governo continuerà a muoversi e ad avallare più o meno palesemente tali aberrazioni.

9 commenti:

  1. L'inclusione, questa sconosciuta... Soprattutto per certi fanatici e simpatizzanti di Destra, che è come dire "ignoranti cronici".

    RispondiElimina
  2. Da sessantenne che "viene coinvolto" in risse in piena notte questa cosa un po' me l'aspetto. Avrebbe avuto bisogno di altro tipo di aiuto non solo per le costole rotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione. Però è davvero molto triste che ci siano certe teste in circolazione.

      Elimina
  3. Il medico ha fatto benissimo a denunciare. E io per fortuna che non lavoro a contatto col pubblico, soprattutto in ambito sanitario: uno così lo avrei lasciato lì, con le sue costole rotte XD

    RispondiElimina
  4. I scemi li avremo sempre con noi, non sono una prerogativa della nostra tradizione, vedi gli uomini islamici che rifiutano nei nostri ospedali di esser curati da medici donna o al contrario pretendono che nessun medico uomo avvicini la moglie ecle nostre solerti ASL si adeguano.

    RispondiElimina
  5. uno che a 60 anni usa il poco tempo che gli rimane per fare delle risse non ha un grande quoziente intellettivo ..

    RispondiElimina
  6. sono stata operata da un medico chirurgo di colore , mercoledì sarò in visita nel suo studio che da qui opera solo più alle Molinette, perchè ha chiesto il trasferimento. Sarà più distante ma nn importa come è andata bene la prima volta sia a me che a altre persone che hanno subito lo stesso intervento, andrà bene di nuovo. questa è la mia testimonianza, dopo la laurea e ricordo che in medicina è a numero chiuso, ha continuato per diventare medico chirurgo e ora opera da diversi anni.....non tutti gli italiani riescono a entrare in medicina e a finire questo cammino. Scusa ma certe cose io le detesto da sempre

    RispondiElimina
  7. Il razzismo è ancora molto radicato nel nostro Paese

    RispondiElimina
  8. Vent'anni di governi di destra hanno sistematicamente alterato la visione del "diverso", fino a farlo diventare pericoloso e contagioso. La stessa "cura" è stata somministrata a noi tutti con la legalità che ognuno sente come limite ai propri diritti personali... quindi il comportamento, esecrabile, della persona di Lignano non mi stupisce. Con il perseverante ex pm Colombo, che per anni è andato nelle scuole a spiegare cos'è la legalità e quanto male faccia a noi stessi che non la rispettiamo, dico che è troppo tardi... imboniti e obnubilati da cattiva tv, cattivi giornali e pessima pubblicità, siamo diventati impermeabili ad ogni argomento scientifico o semplicemente di buon senso.
    Ciao Andrea

    RispondiElimina

Urlare (quando si è opposizione)

Giulio Cavalli fa notare come sia facile, dai banchi dell'opposizione, strillare cose come "la pacchia è finita", l'Italia...