giovedì 15 luglio 2021

Seconda dose

Stamattina ho preso un permesso dal lavoro e sono andato a fare la seconda dose Pfizer. Non più alla fiera di Rimini, dove un mese fa avevo fatto la prima iniezione, ma al nuovo centro vaccinale sulla Consolare di San Marino. La cosa era stata molto più scorrevole e veloce la prima volta, alla fiera, dove nel giro di un'oretta avevo fatto tutto. Stamattina, invece, ho trovato più ressa e, inevitabilmente, più assembramento all'entrata. Alla fine, mi ci sono volute un paio d'ore per fare tutto. Ma va bene così, due ore sono un "sacrificio" più che accettabile per conseguire l'agognato completamento dell'iter vaccinale.

A differenza della prima volta, ho notato molti genitori con figli minorenni al seguito e mi è sembrata una bella cosa. Rientrato al lavoro, ho ripreso le mie normali mansioni senza alcun problema, visto che, esattamente come un mese fa, non ho accusato alcun tipo di effetto collaterale. Mi aspetto, domani, l'usuale lieve indolenzimento alla spalla, niente di che. Un paio di colleghi no-vax mi hanno accolto, al rientro, con sorrisini ironici, e ho pensato amaramente che, alla fine, a beneficiare del gesto di chi si vaccina sono anche 'sti cretini qua.

12 commenti:

  1. Noi ci vacciniamo anche per loro, e loro evidentemente non tengono a nessuno. Triste.

    RispondiElimina
  2. La prima dose mi ha causato un po' di male al braccio mentre la seconda che ho fatto il 7 luglio mi ha strapazzato non male e la mattina dopo andare al lavoro è stata un'avventura. Sul vaccino non so piu' che dire... mi sale una tristezza immensa nel parlare con miei colleghi ma anche e soprattutto leggendo di sanitari che non lo faranno. Tra l'altro, c'è stato tutto il tempo per prenotarsi in questi ultimi mesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sanitari che non si vaccinano sono una di quelle cose che non riesco in alcun modo a spiegarmi.
      Già fatico a comprendere le persone normali che non sono nella sanità, ma di questi, proprio, non riesco a capacitarmi.

      Elimina
  3. Io andrò il 20 luglio.
    Mio padre, ad aprile, è stato pesantemente insultato da un suo conoscente perché si era vaccinato. Il suddetto conoscente, che gli telefonava tutti i giorni, gli ha detto che chi si vaccina è un imbecille, perché il Covid non esiste ed è tutto un complotto di non ricordo chi. Considera che la sorella e il nipote di costui si sono ammalati di Covid, ma lui continua a negare che esista. :D
    Ho letto di gente, finita in ospedale con il Covid, che continuava a negare di averlo, nonostante il bisogno di ossigeno e la gravità dei sintomi.
    Penso che, in questi casi, non ci sia nulla da fare: dobbiamo rassegnarci.
    Ciao, Andrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, penso anch'io che l'unica strada sia quella di rassegnarsi, non ci sono alternative. O meglio, l'alternativa sarebbe avere voglia di sbattersi per tentare di farli ragionare, ma mi risulta che nessuno di quelli che hanno provato abbiano avuto successo, per cui...

      Buona serata, Romina.

      Elimina
  4. Io lunedì ho fatto la seconda dose di Astrazeneca alla Fabbrica del vapore a Milano. Eravamo in pochissimi e mi sono meravigliato. Sono arrivato mezz'ora prima e sono passato subito. Non ho avuto reazioni di sorta come per la prima dose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i miei genitori hanno fatto entrambi AZ, senza alcun tipo di effetto collaterale.

      Elimina
    2. Tu hai avuto qualche effetto collaterale con la seconda dose?


      adal1274

      Elimina
    3. Niente di niente, neppure il lieve indolenzimento alla spalla che avvertii dopo la prima somministrazione.

      Elimina
  5. La riflessione che fai sui benefici indiretti nei confronti dei No-Vax la faccio spesso anch'io. Che massa di imbecilli. Lungi da me limitare alcune libertà, ma nei confronti di questa gentaglia ci vorrebbe eccome. Del resto, non mi pare che proibire a una persona di guidare senza patente sia una limitazione della libertà, no?!
    La mia seconda dose sarà l'8 agosto, e spero davvero di trovare la situazione che ho trovato quando ho fatto la prima: zero file, zero attese. Ero fuori addirittura all'ora in cui sarei dovuto star lì per l'appuntamento :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La libertà di non vaccinarsi finisce quando questa libertà lede il diritto alla salute di tutti. È ciò che ha tentato ieri di spiegare Corrado Augias a Giorgia Meloni. Inutilmente.
      Spero che riuscirai a fare velocemente anche la seconda dose.
      Ciao, Guido.

      Elimina

Suicidi

Qualche giorno fa, a Cesena, una ragazza di 16 anni è salita sul tetto di una scuola per suicidarsi, gesto poi sventato dall'arrivo dei...