lunedì 12 aprile 2021

L'altro principe Filippo

Mentre lentamente comincia a scemare e a ritirarsi lo tsunami mediatico generato dalla dipartita di Filippo di Edimburgo, c'è chi, andando contro corrente rispetto al profluvio di incensamenti della sua persona da parte dell'informazione mainstream, racconta anche i tratti della sua storia e della sua vita che tutti hanno accuratamente evitato di menzionare. A tal proposito, un esaustivo post l'ha vergato il sempre ottimo Diciottobrumaio qui.

10 commenti:

leggerevolare ha detto...

Sinceramente la cosa mi è del tutto indifferente. Non ritengo la sua vita degna di qualsiasi menzione

carlo49calati ha detto...

molto interessante l'articolo che segnali, non certo per pettegolezzo ma per la luce chiara che getta su un personaggio piuttosto ambiguo per origini e pensieri, che ora che è morto ci viene mostrato con una retorica rivoltante.
massimolegnani

Andrea Sacchini ha detto...

Concordo. Il mio post vuole solo essere una critica al sistema informativo nel suo insieme, sempre pronto a incensare e a nascondere tutto ciò che è sconveniente.

Andrea Sacchini ha detto...

Sì, diciamo che è uno sprazzo di realismo in mezzo a tanta edulcorazione

Franco Battaglia ha detto...

Un personaggio di contorno ad Elisabetta, altro personaggio residuo di un potere "reale" che da decenni è solo folclore.

leggerevolare ha detto...

concordo in toto

Andrea Sacchini ha detto...

Folclore che però, per tutta una serie di motivi, a gran parte degli abitanti della perfida Albione piace.

Andrea ha detto...

Quando andai in interrail con mia sorella in Inghilterra incontrammo sul traghetto per superare la Manica una coppia romagnola che andava a Londra perché super innamorata dei reali inglesi e un paio di giorni dopo li trovammo piazzati davanti a Buckhingam Palace con sandwich e bandierine e poi secondo i loro racconti sarebbero andati a. A fine agosto poi mori' Diana. Chissà che shock per loro o forse no. Non ricordo il giudizio sulla Spencer.

Joanna ha detto...

Anche io non amo questo sciacallaggio mediatico che si scatena quando muore una persona più o meno famosa. Consideriamo che è stata una persona normale, coi suoi pregi e i suoi difetti, che ha fatto i suoi errori e ha ottenuto le sue vittorie.
Lasciamole riposare in pace e lasciamo in pace le loro famiglie.
Buona serata.

Andrea Sacchini ha detto...

Temo che impedire lo sciacallaggio mediatico quando muore un membro della famiglia reale inglese, sia pure utopia. E lo dico con rammarico.
Ciao, Joanna.

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...