lunedì 5 aprile 2021

Tessere di partito

Leggo che PD e Fratelli d'Italia stanno lì a contarsi i rispettivi tesserati. Magari sarò all'antica, ma non riesco a capire, oggi, il senso del tesseramento a un partito. Vedo infatti il tesseramento come una sorta di adesione fideistica totalmente priva di spiegazione razionale. L'avrebbe, al limite, se i partiti politici avessero una visione progettuale lungimirante, chiara, definita, magari ancorata a dei valori in linea col retaggio culturale da cui provengono. Ma oggi non mi pare di vedere partiti con queste caratteristiche, a meno che non ci sia qualcuno disposto a credere che il PD targato Renzi fosse un partito di sinistra o che i Cinquestelle o la lega siano partiti caratterizzati da una certa coerenza di idee. 

Che senso ha tesserarsi a partiti disposti a sacrificare ogni valore e ogni coerenza sull'altare del consenso e gestiti da personaggi che su qualsiasi tema cambiano idea ogni due ore? Da questo punto di vista trovo avesse molto più senso tesserarsi nel dopoguerra al Movimento Sociale di Almirante o al Partito Comunista di Berlinguer, perché si trattava di partiti con ideologie, scopi e obiettivi chiari, e chi si riconosceva in quegli ideali e quegli obiettivi sapeva di poter contare sul fatto che sarebbero stati perseguiti seriamente. (A proposito del Movimento Sociale, mi sono sempre chiesto come sia stato possibile che la sua esistenza sia sempre stata tollerata in barba alla Costituzione e a più di una legge che proibisce la nascita di partiti e movimenti che si richiamano espressamente al fascismo, ma questo è un altro discorso.)

A meno che il tesseramento, oggi, nell'era della politica liquida e di perdita di ogni riferimento progettuale e culturale, abbia più un valore psicologico che politico, nel senso che il tesseramento a un partito sia inteso come costituzione di un punto di riferimento comune per riconoscersi e non perdersi nel marasma politico dilagante. Ma prendete questa riflessione per quello che vale, è solo una ipotesi.

1 commento:

  1. Quelli che si tesserano ci credono. E magari hanno figli disoccupati..

    RispondiElimina

Vangelis (un ricordo)

Leggere della dipartita di Vangelis mi è dispiaciuto. Stimavo il grande compositore greco non solo e non tanto per la quantità di colonne s...