sabato 17 aprile 2021

Maria Bassi

Il Google Doodle di oggi celebra Maria Bassi, fisica italiana e prima donna a ottenere una cattedra universitaria. Questa cosa mi ha fatto venire in mente che anni fa iniziai a scrivere quello che nelle mie intenzioni voleva essere un romanzo, che intitolai Il mistero della terza statuetta (non ridete, per favore). 
Il lavoro rimase incompiuto - mi fermai al sesto capitolo - e ancora oggi riposa beatamente in una cartella del mio PC. Uno dei personaggi si chiama appunto Maria Bassi e nel mio romanzo è la donna che regolarmente va a casa del prete (don Alfio) per fare le pulizie e tenere in ordine. Chissà, forse Google, col suo Doodle, ha voluto spronarmi a riprenderlo.

12 commenti:

  1. Importante è che sogni nei cassetti e romanzi nelle cartelle non vengano gettati via.. il giorno con l'ispirazione giusta poi, può arrivare sempre...

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Quasi dei personaggi alla Anndrea Vitali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ho mai letto niente di lui? Dovrò cominciare.

      Elimina
    2. Lui e Lansdale sono i soli scrittori famosi e contemporanei che ho conosciuto di persona. A me Vitali piace perché abitando a una decina di chilometri da casa mia racconta storie che fanno parte anche del mio vissuto. buona serata Andrea

      Elimina
  4. Ma guarda un po' che coincidenze. A questo punto non potrai fare a meno di andare avanti. Ma poi questa Maria Bassi aveva almeno passato l'età sinodale?

    RispondiElimina
  5. Chissà magari trovi anche il modo di ripensarlo e scrivere qualcosa di nuovo. Non so come scrivi narrativa ma secondo, osservando il tuo blog, hai nelle corde qualcosa di molto intimo, pieno di riflessioni interessanti, e di ben scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. C'è stato un periodo in cui scrivevo racconti (alcuni li ho raccolti qui), poi ho smesso, e forse è stato meglio così. :-)

      Elimina
  6. Direi di si! La aspettiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrò. Magari più avanti, adesso non mi sento in vena.

      Elimina

Possiamo fidarci della storia?