domenica 21 ottobre 2012

Lezioni di giornalismo

Una delle cose che rendono piacevole e divertente la domenica è il consueto editoriale di Ferrara sul Giornale. Gli editoriali del Giulianone nazionale sono istruttivi, perché fanno vedere nella maniera più chiara e netta cosa non è il giornalismo. Leggete un po' cosa è riuscito a scrivere oggi, ovviamente riguardo al solito noto:

"Non ha l’età che ha, dice, ne ha un’altra di molto inferiore, se lo è fatto certificare dai medici di casa, che parlano di potenziale immortalità, e da un harem adorante che la bestiale misoginia e la indecente tendenza guardona di media e magistrati ha esposto, come non avrebbe mai dovuto accadere, alla pubblica curiosità e al dibattimento giudiziario, e con argomenti di moralismo talebano di cui non finiremo di vergognarci nei secoli".

Capito? Secondo la personalissima visione del mondo di Ferrara, nei secoli a venire non dovremo vergognarci, come sicuramente accadrà, perché un capo di governo va a mignotte che poi ricompensa con soldi, favori vari e prebende; non dovremo vergognarci che il suddetto "harem adorante" viaggi allegramente tra le sue residenze private su voli di stato pagati dai contribuenti; non dovremo vergognarci per la storia della nipote di Mubarak che ci ha coperti di ridicolo sull'intero globo terracqueo.

No, secondo Ferrara il motivo per cui dovremo vergognarci è che queste cose sono diventate di pubblico dominio. Grazie, Ferrara, per queste impagabili lezioni di giornalismo.

Nessun commento:

Posta un commento

Suicidi

Qualche giorno fa, a Cesena, una ragazza di 16 anni è salita sul tetto di una scuola per suicidarsi, gesto poi sventato dall'arrivo dei...