giovedì 6 ottobre 2022

Urlare (quando si è opposizione)

Giulio Cavalli fa notare come sia facile, dai banchi dell'opposizione, strillare cose come "la pacchia è finita", l'Italia "libera dalle catene dell'Europa", "l'Europa ribaltata", i barconi affondati e via andare. Poi può capitare, come è capitato, che dall'opposizione si passi al (futuro) governo, ove occorre dare peso e concretezza ai proclami e alle promesse strillati quando si era opposizione. Ed è tutto un altro paio di maniche.

12 commenti:

  1. Han voluto la bicicletta e ora ... mah

    RispondiElimina
  2. Decisamente più complicato. Soprattutto perché bisogna dimostrare di sapere e, più di tutto, di saper fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Poi, per carità, magari faranno anche qualcosa di buono, chi può dirlo? Vedremo.

      Elimina
  3. Mica è la prima a scalpitare dall'opposizione e poi, costruitasi una maggioranza, calare la maschera.

    RispondiElimina
  4. Il problema più grosso è non scontentare gli ingombranti compagni di coalizione...

    RispondiElimina
  5. Esperienza di una realtà amministrata dai grillini, a Carrara per 5 anni. Il peggio del peggio del niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che se si esaminassero realtà locali a campione, il peggio del peggio potrebbe essere ascritto a qualsiasi forza politica.

      Elimina
  6. Ma la Francia vigilerà, almeno così crede la Boone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma Mattarella l'ha presa male e la cosa è rientrata (per ora).

      Elimina

Un mondo senza lavoro

  In un futuro forse non troppo lontano le persone che lavoreranno saranno poche, a causa soprattutto dell'inarrestabile processo di aut...