domenica 31 luglio 2022

MS

La mia prima (e unica) sigaretta la misi in bocca a 17 anni. Era estate e io lavoravo come inserviente in una colonia di Bellaria. Lo facevo per tirare su qualche soldo con cui aiutare i miei a pagarmi i libri di scuola. Gli altri ragazzi che lavoravano con me fumavano tutti, o quasi. Uno può essere animato dai migliori propositi (i miei genitori m'avevano sempre proibito di avvicinarmi al fumo e io avevo sempre assecondato questo loro volere), ma quando questi propositi cozzano contro la realtà circostante, non esiste alcun automatismo che garantisca che abbiano sempre la meglio. 

Una mattina una ragazza me ne offrì una. Credo fosse una MS ma non sono sicuro. Io la rifiutai. Lei insistette e io passai dal rifiuto convinto al tergiversare. Alla fine cedetti e la presi. Me la misi tra le labbra con un po' di... insomma con quella sensazione che si prova quando non si sa bene cosa fare. Vedendo la mia insicurezza mi disse: "Adesso ti passo l'accendino, non appena la sigaretta si è accesa, inspira." Vidi la fiamma dell'accendino e, nel momento in cui la sigaretta si accese, inspirai. Provai una sensazione come di soffocamento e sentii di aver riempito i miei polmoni con qualcosa che non c'entrava niente con l'aria che avevo respirato in tutti i 17 anni precedenti. Avevo immesso qualcosa dentro di me che sembrava estraneo al concetto di vita come l'avevo inteso fino ad allora. Gettai la sigaretta in terra sputandola, poi mi piegai e cominciai a tossire. La ragazza mi guardò e rise: sapeva bene la reazione che provoca la prima sigaretta. Dopo alcuni minuti mi ripresi e le dissi che non avrei mai più messo in bocca una sigaretta per il resto della vita, e così ho fatto. Sono passati 35 anni da allora e non ne ho più toccata una. E sono contento di questo. Ogni tanto ripenso a quella ragazza. Chissà dov'è ora, chissà cosa fa... 

E chissà se fuma ancora le sue MS.

23 commenti:

  1. Io, invece, ho fumato la mia prima sigaretta (e unica) con mio padre. Lui era convinto che i giovani fossero attratti dal proibito, quindi mi dimostrò che fumare non fosse questa grande trasgressione.
    Inoltre, conoscendomi benissimo, sapeva che mi avrebbe fatto schifo e che non avrei fumato mai più.

    P.S. Io però non ho rischiato il soffocamento. Sono stata più brava di te. 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di' la verità: hai fatto solo finta di inspirare 😁

      Elimina
    2. No, no. Ho fumato benissimo.
      Avevo osservato lui e la mamma così tanti milioni di volte che, teoricamente, sapevo tutto.
      È come la prima volta in cui ho messo la lavatrice o ho preparato il sugo. Mai fatto prove da nubile. Osservavo mia madre e assorbivo tutto. I primi giormi di matrimonio, mio marito pensava che mi esercitassi da anni, e invece non avevo mai programmato un elettrodomestico, né cucinato.
      Oggi cucinare è tra i miei hobby preferiti. 😉

      Elimina
    3. Bello. Sicuramente più utile e meno dannoso del vizio del fumo 😊

      Elimina
  2. Avevo quindici anni, ero in vacanza nella montagna di sempre ma, per una ragione che on ricordo, quell'estate non c'era nessuno dei miei amici storici. Vedevo ragazzi che si muovevano in gruppo e, fra loro, parecchie ragazzine con la sigaretta fra le dita. Ricordo distintamente di aver pensato di provarci, per darmi un tono e magari entrare in una delle compagine. E ricordo altrettanto distintamente di aver considerato che tutti iniziano per darsi un tono e che non sarei mai stata capace di smettere. Ricordo esattamente dove mi trovavo: fra la salumeria Salvetti (la migliore pizza al trancio della Ponte dei miei tempi), e la tabaccheria Zampatti (fornitore ufficiale di caramelle alla liquirizia).
    Non ho mai fumato.

    RispondiElimina
  3. Col senno di poi, ma anche con quello di allora, credo tu possa dire di aver fatto al cosa giusta, no? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una delle poche scelte giuste senza effetti collaterali!

      Elimina
  4. Da ragazzina le mie migliori amiche fumavano tutte. Io ci provai, ma non sono mai riuscita ad aspirare. E' stata la mia fortuna, sennò con quella compagnia sarei diventata una fumatrice accanita pure io XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho aspirato una volta e mi è bastato per capire :-)

      Elimina
  5. Io ho fumato dai 14 ai 38 anni, ero una forte fumatrice, convinta che avrei fumato per sempre. Poi mio fratello mi ha regalato il libro di Allen Carr, l'ho letto e ho smesso di colpo direi senza ingrassare. Non fumo da quasi 14 anni, anche se ogni tanto mi sogno di fumare. Credo che se non avessi mai iniziato sarei stata una donna migliore, ma devo accusare solo la mia dabbenaggine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante. Che libro è?

      Elimina
    2. È facile smettere di fumare se sai come farlo.
      Io l'ho letto e ho smesso subito, pur avendo una forte dipendenza. Le persone dicono che ci vuole la forza di volontà, io invece per esperienza personale direi che invece ci vuole proprio una presa di consapevolezza.
      Non è stato difficile, perchè ero contenta di aver smesso, lo sono ancora adesso a distanza di tanti anni.

      Elimina
  6. Fumato anche io per diversi anni.. poi si cresce.. e infatti a molti amici fumatori per prenderli in giro dico: "Anche io da piccolo facevo la pipì a letto, poi ho smesso"

    RispondiElimina
  7. Mai fumato in vita mia. Ti dirò che non mi sono mai lasciata tentare perché l’odore della sigaretta mi disgusta. Non sopporto quando qualcuno fuma nelle mie vicinanze. È stata dura con il mio compagno che oggi non fuma più, ma è stato un fumatore accanito. Fumava ogni 5 minuti, cercava sempre di allontanarsi, ma quando fumi ogni 5 minuti inevitabilmente riempi la casa di fumo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa intendi, l'odore della sigaretta disgusta anche me, sento uno che fuma a un chilometro di distanza.

      Elimina
  8. Solo fumo passivo per quanto mi riguarda, specie durante gli anni delle scuole superiori... Mai capito perché i giovani fumatori spesso si atteggino a procacciatori di adepti che inizino a fumare. Perché non funziona, che so, per i lettori di fumetti o per chi raccoglie i bisogni del proprio cane? Il proselitismo è invocato solo ove c'è un senso di trasgressione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno che fuma da solo, così come uno che si ubriaca da solo, è patetico. Vuoi mettere farlo in compagnia?!?

      Elimina
    2. Beh, anche i Testimoni di Geova fanno proselitismo, e in un certo qual modo anche quella è trasgressione :-)

      Elimina
  9. E' successa la stessa cosa a me, quando avevo 16 anni e mi ha salvata. Infatti io non fumo e ho dovuto combattere anni e anni in ufficio con colleghe fumatrici. Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ti può consolare io combatto tuttora con colleghi che fumano...

      Elimina
  10. Beh, non vedo perché bisognerebbe colpevolizzarti. Fumare non mi risulta che sia una colpa. E poi, da ciò che dici, mi sembra che nel tuo caso sia più un piacere che un vizio.

    RispondiElimina

La "frociaggine" del papa

Alla fine sembra che quell'espressione papa Francesco l'abbia usata davvero. Dal Vaticano si affrettano a metterci una pezza dicend...