venerdì 21 agosto 2020

Massimo Boldi, le mascherine e il vuoto


Non ho mai sopportato e non ho mai guardato i cosiddetti cinepanettoni di Boldi e De Sica. Li ritenevo insignificanti, vuoti, il nulla. Oggi leggo ciò che dice Massimo Boldi e capisco che quel vuoto che percepivo già allora era solo l'espressione cinematografica di un eguale vuoto di pensiero.

6 commenti:

  1. come non essere d'accordo con te

    RispondiElimina
  2. Fu persino candidato per il PSI di Craxi nel 1992 (poco prima del crollo per tangentopoli, il PSI dei nani e delle ballerine)

    RispondiElimina
  3. Il vuoto cosmico del suo pensiero. Il signor Boldi probabilmente considera 35.433 decessi solo in Italia e 803.000 decessi in tutto il mondo come il numero degli introiti che fa al botteghino con i suoi film demenziali. Boldi doveva proprio tapparsi la bocca e azionare il cervello prima di sparare cavolate. Ma ce lo avrà un cervello poi?
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Ho conservato il link del tuo blog perchè leggo sempre i miei opposti concettuali e ideologici: bisogna conoscere al meglio chi ha opinioni diverse dalle tue.
    Dimenticavo i cine panettoni non sono mai piaciuti neanche a me, idem per le mascherine di cui disconosco la validità. Nemmeno i numeri che citano i tuoi lettori mi convincono, sono strumentali a una certa politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che lavoro faccia lei e non mi importa saperlo, ma io lavoro in un ospedale e non voglio essere presuntuosa ma forse conosco meglio di lei la realtà di quello che sta accadendo. Per quanta riguarda invece l'uso della mascherina e della sua utilità o inutilità a seconda della linea di pensiero ognuno è libero di fare come crede, gli ospedali accolgono tutti anche chi sceglie di non proteggersi adeguatamente contro il covid 19, nel mio campo specifico di lavoro posso assicurarle che i posti ci sono sempre.
      Buona giornata.

      Elimina

Bruno Vespa

Se durante la mia lunga carriera di lettore qualcuno mi avesse detto che sarebbe arrivato un giorno in cui avrei letto un libro di Bruno Ves...