martedì 30 aprile 2019

Andiamo come un treno, dice

Ci si arriva anche senza essere economisti. Un trimestre positivo (+ 0,2 %) dopo tre cali consecutivi non significa che la recessione è finita né, tantomeno, che andiamo come un treno. Si tratta infatti di piccole fluttuazioni percentuali che girano comunque sempre attorno allo zero, in un quadro quindi di persistente stagnazione, come del resto precisa l'ISTAT.

Ma la comunicazione politica, forte di destinatari in gran parte poveri di spirito, è questa roba qua. Siamo ai livelli della famosa e patetica sceneggiata sul balcone di palazzo Chigi in cui si annunciava la definitiva sconfitta della povertà.

1 commento:

ReAnto ha detto...

Patetica appunto ..

Priorità

Secondo l'Istat , nel 2023 4,5 milioni di persone hanno rinunciato a curarsi per mancanza di soldi. A questo si aggiunge la cronica manc...