giovedì 6 giugno 2013

Guerra fredda

Il tipo che in qualunque paese del mondo (a parte il nostro, ovviamente) sarebbe da tempo al sicuro e non più in grado di nuocere, ha dichiarato (eufemismo: il termine esatto è farneticato): "Siamo riusciti a mettere insieme il centrodestra e il centrosinistra ponendo fine a una lunga guerra fredda".
Ovviamente - lo dico a beneficio di chi, eventualmente, bevesse ancora le sue panzane - il pagliaccio sa benissimo che in questo ultimo ventennio, cdx e csx sono andati a braccetto nella maniera più impudica e vergognosa possibile. A meno che non crediate davvero che i vari D'Alema, Veltroni, Violante, ecc., siano uomini di sinistra. Sfido chiunque a trovare una qualsiasi della moltitudine di leggi ad personam, partorite nel corso del tempo dal tipo, che non abbia avuto, più o meno direttamente e più o meno palesemente, l'avallo se non addirittura la compiacenza del csx.
In caso di eventuali dubbi residui, provate a chiedervi come mai il csx, che nel suddetto ventennio non è che sia rimasto esattamente sempre all'opposizione, negli anni in cui ha governato non è mai riuscito a portare a casa uno straccio di legge che regolasse, o quanto meno tentasse di arginare, il mostruoso conflitto di interessi del tipo. Quello che adesso ciancia di fine di guerra fredda.

Nessun commento:

Posta un commento

Urlare (quando si è opposizione)

Giulio Cavalli fa notare come sia facile, dai banchi dell'opposizione, strillare cose come "la pacchia è finita", l'Italia...