mercoledì 26 novembre 2014

(...)

Non ho capito questa cosa: quando il Dibba ha detto che quelli dell'Isis andrebbero elevati al rango di interlocutori, s'è beccato gli strali dell'universo intero (compresi quelli dello scrivente, per inciso).
Adesso che lo stesso concetto l'ha espresso Bergoglio, non fiata una mosca.
Mah.

Sulla torre

Dite la verità: non sono carini Berlusconi e Salvini che tubano?
"Sei un goleador..."
"Grazie, Silvio, degli attestati di stima..."
Datemi una torre, possibilmente senza chiedermi chi vorrei salvare.

lunedì 24 novembre 2014

(...)

Il tweet con cui ‪Renzi‬ strilla vittoria non lo commento, per decenza - solo un demente può considerare un 18% in termini assoluti come una vittoria. Alla fine, mi sembra che l'analisi più azzeccata sia quella di Lerner. E con questo, chiudiamo qui questa pietosa pagina.

sabato 22 novembre 2014

La condanna senza senso

Storace mi sta simpatico come un gatto attaccato ai... ecco, sì, quelli. Ma diciamo la verità: essere condannati per vilipendio al capo dello stato non ha più senso, se mai ne ha avuto.
Neppure se il capo dello stato è Napolitano.

Sabato pomeriggio

E la scatoletta?



In macchina da solo, da Genova a Bologna, un mini-comizio al circolo Mazzini neppure annunciato, poche decine di simpatizzanti. La triste parabola discendente di un leader che adesso dice "forse dovremmo uscire dal parlamento" (ma non dovevano aprirlo come una scatoletta?).
Se ci siete entrati per prendere in giro gli elettori, sì, credo che possiate anche uscire.

Prezzi (checché ne dica Bagnasco)



(via Cristina)

venerdì 21 novembre 2014

(...)

Basta video alla Bin Laden, vi prego, basta scrivania finta, pianta finta, penne finte, fogli bianchi, libreria con libri finti... Pure lui è finto: toglietegli i tiranti, il botox, il cerone, i capelli finti e colorati e avrete davanti a voi un "povero" vecchio che ancora si avventa davanti a una telecamera per guadagnare quattro voti alle prossime elezioni. Renzi, ma che ci stai a fare con uno così?
Vabbe', in fondo sei finto anche tu...

mercoledì 19 novembre 2014

Piena e superstizione

La sceneggiata di don Evandro, il parroco di Brescello che ha tentato di fermare la piena del Po portando in processione il crocefisso, non la commento, se non per dire che una commedia simile poteva trovare la sua ragion d'essere solo in un paese come il nostro, dove la superstizione contagia ancora, in pieno terzo millennio, larghe fasce di popolazione.
È sufficiente dire, solo a titolo di esempio, che c'è ancora chi crede alle stigmate di padre Pio o alla liquefazione miracolosa del sangue di san Gennaro.
È inutile, non ci risolleveremo più.

martedì 18 novembre 2014

(...)

Ehm, non so se ci avete fatto caso, ma il filmato catturato dai Ros in cui sono documentate le fasi di arruolamento e affiliazione alla 'ndrangheta, è stato girato nella spensierata Brianza, non in qualche sperduta borgata del sud Italia, e nella relativa inchiesta, condotta dalla Boccassini, sono state arrestate finora trentotto persone.
No, faccio presente questa cosa perché, da sempre, ogni volta che si accenna di questo fenomeno ai vari Formigoni, Salvini, Maroni e compagnia bella, questi tendono sempre a fare spallucce, a minimizzare, come se la mafia fosse un fenomeno che ancora non ha messo radici lassù da loro.