domenica 26 luglio 2020

Alessandro Barbero (2)

Ricordate questo post, che scrissi circa un mesetto fa, in cui dicevo di essermi "innamorato" di Alessandro Barbero? Bene. Oggi quelli de Il Post pubblicano un interessantissimo articolo in cui spiegano i motivi del successo mediatico, ma non solo, del professore di storia piemontese. C'entrano il lockdown, i podcast, YouTube, Piero Angela e... la sua inimitabile e coinvolgente tecnica narrativa, che affascina e seduce. Elemento forse determinante, quest'ultimo. È un po' come se la Divina commedia la spiegasse Benigni invece del normale professore di italiano delle superiori.

2 commenti:

  1. In effetti è il massimo unire la cultura con le capacità dialettiche, il saper esporre certi argomenti in maniera chiara e affascinante... Ed è il limite, forse, anche di tanti professori: magari sanno tante cose, dal punto di vista nozionistico, però poi non sanno coinvolgere a dovere gli studenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono tra l'altro motivo di demotivazione per gli studenti, purtroppo.

      Elimina

La Giornata della memoria (con un po' di storia)

A dire il vero non volevo scrivere niente sulla Giornata della memoria, perché tutto l'universo Internet ne parla e il mio contributo no...