mercoledì 24 maggio 2017

Bei ragazzi in salute

L'ennesima strage nel canale di Sicilia, dove la maggior parte delle persone decedute erano bambini, mi ha fatto venire in mente una breve conversazione che ebbi con una monumentale testa di cazzo che, per qualche oscuro motivo, incrociò anni fa la mia strada - ci vuole pazienza, la vita è difficile che ti metta accanto solo persone intelligenti e sensibili, sarebbe chiedere troppo, non credete? Si discuteva appunto delle migrazioni, uno dei maggiori problemi che deve affrontare la società contemporanea, europea ma non solo, un problema complesso, ricco di sfaccettature e implicazioni, e che appunto a causa di questa complessità è impensabile immaginare di risolvere con quelle quattro stronzate che sparano Salvini e accoliti vari ogni volta che aprono bocca. Ecco, mentre io cercavo di spiegare a lui qualche scampolo di questa complessità, sperando in qualche modo di fare breccia nello spessa coltre di ottusità che permeava la sua attività neuronale, lui se n'è venuto fuori, a un certo punto, con qualcosa tipo (vado a memoria): "Ma tu dove li vedi tutte queste donne, questi bambini in fuga da guerra e miseria? Io vedo passare dei gran ragazzotti tutti belli pimpanti, in salute, atletici..."
Da quel preciso momento ho capito che stavo sprecando fiato ed energie, ché la coltre di ottusità era non solo impenetrabile ma addirittura inscalfibile, e subitaneo è partito il mio vaffanculo, il solo linguaggio che il mio sfortunato interlocutore era evidentemente in grado di intendere.

2 commenti:

  1. Ti comprendo, perché io ormai evito proprio di interloquire con persone simili. In passato m'impegnavo a ragionare, tentavo di spiegare e così via; poi ho compreso che è inutile, perché certe persone non vogliono saperne di far ragionare la zucca. In fondo, qui si tratta di sensibilità ed evidentemente esiste gente che ne è priva.
    Fiato sprecato parlare con costoro. La vita è troppo breve per perdere anche soltanto un'ora in discorsi inutili: quando davanti a te hai un muro, l'unica soluzione è andarsene.

    RispondiElimina
  2. Questo episodio, che mi è venuto in mente ieri, in realtà è di parecchio tempo fa. Anche io ho smesso di dibattere con questa gente.

    RispondiElimina