domenica 22 settembre 2013

Sempre lì

Passano i giorni, i mesi, gli anni e quelli del Pd sono sempre lì a litigare su 'ste benedette regole, a dividersi in correnti, a guardarsi l'ombelico - l'ultima volta ieri, sulla definizione dell'automatismo tra segretario e candidato premier. Passano i giorni, i mesi, gli anni (decenni, in questo caso), e si rifonda Forza Italia, sempre col catramato, coi Verdini, con gli alfani...
Venti anni di storia, di memoria persa, e siamo sempre lì, con il nulla da una parte e il nulla da quell'altra. E anche dopo le prossime elezioni saremo ancora lì a sbalordirci e a chiederci perché metà degli aventi diritto al voto è rimasta a casa o ha votato Grillo.

Nessun commento:

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...