sabato 14 novembre 2015

Quindi, Belpietro immagina che siamo tutti scemi



Dopo aver fatto un titolo a tutta pagina recante la dicitura "Bastardi islamici", un direttore di giornale dovrebbe correre a nascondersi per la vergogna, per aver dato conferma una volta di più che in Italia, per fare carriera nel giornalismo, bisogna essere ignoranti, cinici e in malafede. Lui no. Di fronte alle sacrosante proteste di ogni persona in grado di stabilire una sinapsi tra due neuroni, lui non solo non fa retromarcia, ma replica, ergendosi a maestrino di italiano e spiegandoci il significato del termine bastardo.
Grazie, grandissima faccia di culo, ma col tuo sermoncino puoi prendere in giro giusto i lettori del tuo giornale, gli unici che probabilmente non capiscono la differenza tra significato letterale di un termine e quello per estensione, che in questo caso è connotato da una valenza fortemente dispregiativa.
Caro Belpietro rassegnati, non siamo tutti come i tuoi lettori.

Nessun commento:

Posta un commento

Bruno Vespa

Se durante la mia lunga carriera di lettore qualcuno mi avesse detto che sarebbe arrivato un giorno in cui avrei letto un libro di Bruno Ves...