sabato 21 febbraio 2015

Quarto grado e abiezione

Una delle rarissime volte in cui accendo un attimo la tv, m'imbatto per caso in una trasmissione che si chiama Quarto grado. Argomento: l'omicidio della povera Yara Gambirasio. Ci sono luminari in studio e in collegamento esterno: avvocati, esperti di informatica forense, periti, ognuno dietro la sua scrivania coll'immancabile libreria alle spalle che fa tanto scenografia. Ascolto per qualche minuto. Si parla dei filamenti di cui sono composti i sedili del furgone del presunto omicida, poi del suo computer e della sua cronologia delle ricerche svolte su Google. Poi, l'apoteosi dello schifo morboso: vengono mostrate le mutandine che indossava la povera ragazzina quando è stata assassinata. La telecamera indugia su di esse: esterno, interno, composizione del tessuto. Penso al tipo di pubblico che si ciba di questi programmi. Penso a come si possano sentire i genitori di quella ragazzina nel vedere ciò che resta di lei dato in pasto a un pubblico di morbosi e cinici decerebrati.
Spengo, sempre più convinto di avere fatto bene a chiudere con la tv, anni fa.

2 commenti:

  1. vabbè ma anche tu, accendi la tv e ti sintonizzi su quarto grado

    ma allora sei masochista

    50 sfumature di piadina :-)

    RispondiElimina
  2. Ma chi si sintonizza? Mi ci sono imbattuto per caso e mi ha incuriosito. Mai più.

    RispondiElimina

Il senso di Gino Cecchettin

Boh, non capisco tutto questo astio nei confronti di Gino Cecchettin.  Per come la vedo io, si tratta di un uomo che si sta semplicemente ad...