mercoledì 31 agosto 2016

Sonny Rollins



Nel romanzo di Antonio Tabucchi che sto leggendo in questi giorni, Per Isabel, a un certo punto si parla di una sassofonista che in un locale suona dei pezzi di Sonny Rollins, artista che conoscevo di nome ma di cui non avevo mai ascoltato niente. E niente, è un sassofonista jazz, ed è bravo, uno dei migliori al mondo, e io l'ho conosciuto stasera grazie a Tabucchi.
Poi qualcuno dice che i libri sono inutili.

Nessun commento:

Posta un commento

Bruno Vespa

Se durante la mia lunga carriera di lettore qualcuno mi avesse detto che sarebbe arrivato un giorno in cui avrei letto un libro di Bruno Ves...