sabato 23 febbraio 2013

I soldi per l'IMU? "Li tiro fuori io"

Siccome al ridicolo non c'è mai fine, ecco l'ultima del teleimbonitore: se la Svizzera dice niet, i 4 miliardi necessari per la restituzione dell'Imu "li metto fuori di tasca mia". Sì, avete capito bene, li tira fuori lui dal suo patrimonio personale. Ora, come capite bene, il nocciolo della questione non è tanto questo (in fondo, se volesse veramente, potrebbe anche farlo, visto che la possibilità ce l'ha); il nocciolo della questione è che lui, ancora un volta, ha mentito sapendo di mentire.
Sapeva benissimo fin dall'inizio, infatti, che l'accordo con la Svizzera non c'era e che sottoscriverlo bilateralmente avrebbe comportato tempi lunghi. Così come sapeva benissimo che i benefici tangibili (ossia la disponibilità materiale dei soldi), una volta che si fosse concluso questo benedetto accordo, si sarebbero visti dopo anni. Siccome gli Svizzeri, nonostante tutto, sono un tantino più seri di noi (e soprattutto di lui), non appena venuti a conoscenza della balla elettorale, hanno provveduto a smentire l'esistenza del famoso accordo, e soprattutto hanno smentito la possibilità che, eventualmente, si possa fare in tempi brevi.
Un politico che avesse un minimo di dignità, ma proprio un minimo, di fronte a una sbugiardata del genere sarebbe già andato di corsa a sotterrarsi. Lui, invece, che fa? Rilancia (siamo al grottesco): la Svizzera mi ha sbugiardato? Bene, allora i soldi li tiro fuori io. Il messaggio è chiaro: coi soldi si risolve tutto, si mettono a posto anche le balle e le prese in giro. Può darsi. L'unica cosa che non si potrà mai ricomprare, anche avendo a disposizione tutti i soldi del mondo, è la dignità.

1 commento:

  1. io ieri ho fatto una battuta dicendo che li metteva lui e adesso lui dice veramente che è pronto a metterli lui


    oibò la verità supera la comicità

    c'è un video da vedere?

    RispondiElimina