giovedì 30 marzo 2017

Il plagio della Madia

Boh, non so se la signora Madia si debba dimettere per aver copiato parti della sua tesi di dottorato. Mi sembra che, guardando nel suo insieme l'intero Parlamento e gli elementi che lo popolano, un eventuale plagio sembri quasi una sciocchezza. E non si guardino casi analoghi accaduti in Europa, dove fior di ministri si sono dimessi per casi analoghi (qui e qui) - in Svezia, anni fa, una ministra si dimise perché scoperta a pagare la tata in nero. Non si guardino perché si parla di classi politiche di tutt'altra pasta, come si sa. Noi abbiamo quelli che abbiamo, ormai li conosciamo, e non li conosciamo solo noi, li conoscono bene anche all'estero. Stia lì, signora Madia, e vada tranquilla, quello è il posto più adatto per lei.

Nessun commento: