domenica 28 agosto 2016

Sbatti l'indiano in prima pagina

Quindi, ricapitolando, si prende un immigrato indiano, lo si sbatte in prima pagina per giorni e lo si trasforma in un mostro rapitore di bambine. Libero e Giornale strillano, Salvini si indigna e lo vuole rimandare a casa a calci in culo, il magistrato che non convalida il fermo viene linciato mediaticamente sul giornalame di destra e sui social peggio del giudice Mesiano coi suoi calzini color turchese.
Poi l'inchiesta va avanti, nuove testimonianze di persone che erano su quella spiaggia avvalorano l'ipotesi che l'indiano non avesse effettivamente mai voluto rapire nessuno, come ha ripetutamente dichiarato in sette ore di interrogatorio, infine arriva pure la parziale ritrattazione dei genitori, ritrattazione che scagiona l'uomo da quell'accusa infamante. Ma non ne parlerà più nessuno, giusto qualche trafiletto nelle cronache locali della zona.
Perché coi "mostri" è così che si fa.

1 commento:

Anonimo ha detto...

c'è sempre tempo però per i rom ladri di bambini, per i migranti che stanno in hotel e per altre minchiate simili.
tranquillo la madre degli imbecilli è sempre ben prolifica...
e i nostri giornalisti sono sempre dei grandissimi buffoni!