lunedì 27 luglio 2015

(...)

Comunque, quando dalle 6 di mattina si arriva a casa alle 5 di pomeriggio, il dubbio che si viva per lavorare piuttosto che il contrario, viene.

Nessun commento: