martedì 3 marzo 2015

(...)

Pubblica stima a mia figlia Michela, sopravvissuta a mezz'ora di discussione con due Testimoni di Geova incontrati per caso in giro a Rimini.

Nessun commento: