domenica 20 giugno 2010

La Lega nel fango


Il fango ovviamente è quello del prato di Pontida, ridotto a una sorta di pantano dalle insistenti piogge che da ieri sera imperversano sulla zona. Infatti, come vedete qui sopra, il povero Cota si è presentato sul palco tutto bagnato e coll'immancabile impermeabile verde.

Sarà anche per questo che l'unica telecamera che documenta la diretta del tradizionale happening leghista è fissa sul palco e non inquadra mai il prato. Verrebbe quasi da dire che anche madre natura non ne può più di questi qui.

2 commenti:

  1. fra le tante idiozie quella delle capitali reticolari e dell'inno regionale.

    vere perle della stupidità umana.

    RispondiElimina
  2. Beh, la Lega ci ha abituato a questo e altro.

    RispondiElimina

Buchi di memoria

Non credo capiti solo a me di svegliarmi al mattino con in testa una canzone. Stamattina, in macchina, canticchiavo una vecchia canzone di B...