lunedì 25 maggio 2020

Biblioteca e bar

Oltre a svariate attività commerciali, tra cui naturalmente i bar, la fase due ha permesso la riapertura delle biblioteche, luoghi notoriamente a me molto cari. La differenza consiste nel fatto che mentre i bar sono aperti nell'accezione più ampia del termine, nel senso che ci si può fiondare dentro in massa e anzi più si è più il gestore è contento, la biblioteca si presenta tipo Fort Knox: telecamera all'ingresso, porta scorrevole rigorosamente chiusa e apribile solo dall'interno previa premitura del campanello esterno, ingresso contingentatissimo (uno alla volta e non si sgarra). Uno delle tante situazioni che declinano oggi ciò che il tanto vituperato Marx predisse un secolo e mezzo fa.

16 commenti:

  1. Infatti alcune cose sono paradossali...

    Miki-

    RispondiElimina
  2. Seee... qui nel torinese hanno fatto anche meglio. Le biblioteche non aprono proprio. O meglio, qualcuna a breve sì, su prenotazione, ma molte no. Insomma, ognuno fa come gli pare.

    RispondiElimina
  3. La biblioteca del mio paese aprirà forse la prossima settimana... Leggo poco ma leggo per cui un po' mi è mancata !

    RispondiElimina
  4. E qui, invece, di biblioteche nemmeno l'ombra.
    Non ce ne sono. Problema risolto!

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Nel senso che Marx diceva che se il denaro da mezzo si trasforma in fine, diventa la condizione universale per realizzare qualsiasi cosa e soddisfare qualsiasi bisogno. Il fatto che delle biblioteche non freghi nulla a nessuno mentre dei bar sì, si incanala perfettamente in quest'ottica.

      Elimina
  6. Eh eh, le biblioteche non danno introito, nel senso del vil denaro. Che poi aprano la mente non credo interessi a chi comanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che non interessare, direi che questa cosa è proprio temuta :)

      Elimina
  7. Da noi niente aperture, non si possono prelevare i libri perché alla restituzione dovrebbero sanificarli e non hanno i prodotti necessari.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  8. Nel mio paesino, le biblioteche sono aperte ma bisogna prenotare online e dei volontari consegnano a casa.

    RispondiElimina
  9. In pratica, ogni paese fa un po' come gli pare.

    RispondiElimina

Ritmi ridotti

Scrivo poco, ultimamente, e leggo tanto. Questo è il motivo per cui, come forse avrete notato, le distanze temporali tra un post e l'alt...