venerdì 14 febbraio 2020

Libri e solitudine

Mi sono imbattuto in questo bellissimo post di Pino, nel quale mi riconosco dalla prima parola all'ultima, compresi gli accenni a una possibile misantropia come conseguenza della lettura.

5 commenti:

  1. Adesso capisco il perchè dell'aumento delle visualizzazioni del mio blog. :)
    Grazie Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati. E comunque butta un'occhiata alla provenienza degli accessi; io ho pochissimi lettori, quindi è probabile che la causa sia un'altra. ;)

      Elimina
  2. Ho letto il post di Pino; le sue riflessioni sulla (inevitabile?) Solitudine del lettore, le condivido e mi ci sono soffermata spesso.
    È vero, ci vuole equilibrio in ogni cosa, ma le ore trascorse in compagnia di un buon libro sono impagabili, e non nego di aver pensato, in certi contesti, che preferivo nettamente immergermi nella lettura piuttosto che interagire con determinati tipi di persone con cui proprio non riesco a relazionarmi :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici. Galimberti una volta ha detto che è molto più facile maneggiare le idee piuttosto che avere a che fare con le persone. Ecco perché anch'io preferisco di gran lunga i libri. :)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Ritmi ridotti

Scrivo poco, ultimamente, e leggo tanto. Questo è il motivo per cui, come forse avrete notato, le distanze temporali tra un post e l'alt...