venerdì 6 luglio 2018

Notte Rosa

Sfogliavo poco fa un opuscolo col programma della Notte Rosa (chi non sapesse cos'è può dare un'occhiata qui). Lo sfogliavo perché giù a Rimini, in occasione di notti rosa passate, m'è capitato di assistere a ottimi concerti. Ricordo ad esempio Venditti, e poi un paio d'anni fa De Gregori, e poi mi pare Battiato e altri.

Io sono allergico al casino e alla calca, da sempre, ma amo la musica e i cantautori, specialmente quelli che hanno accompagnato la mia giovinezza, e quando capitano qua in zona, pur di vederli sono anche disposto a dare e ricevere qualche spintone (a questo si aggiunga l'ottimo incentivo della gratuità di tali concerti, cosa sempre apprezzabile).

Dalla lettura dell'opuscolo di cui sopra scopro che l'ospite clou della serata, qua a Rimini, sarà tale Alvaro Soler. Chi è Alvaro Soler? Boh. Apro il tubo e gli do in pasto il nome. Il primo risultato è una canzone (canzone, vabbe'...) che si chiama La cintura. Doppio boh. Clicco play e scopro trattarsi del tormentone spagnoleggiante e sudamericaneggiante a cui ultimamente non ci si riesce a salvare in nessun modo, eccetto forse che ascoltando Radio Maria, ma a 'sto punto è meglio il tormentone.

E niente, quest'anno salto. Di Soler non mi può fregare di meno.

Nessun commento: