venerdì 6 luglio 2018

Fine della penosa vicenda Englaro

In un mondo perfetto, i soldi che la Regione Lombardia ha stanziato per risarcire la famiglia di Eluana Englaro per tutto ciò che ha dovuto subire e chiudere così questa penosa vicenda, non dovrebbero essere presi dai fondi pubblici, cioè dai soldi di tutti, ma dovrebbero essere chiesti a Formigoni o al suo braccio destro, tale Carlo Lucchina, colui che nella sua veste di Direttore generale della sanità lombarda all'epoca dei fatti, materialmente ordinò a ogni clinica della regione di disattendere la sentenza del tribunale che dava il via libera al distacco del sondino alla povera ragazza.

Ma non viviamo in un mondo perfetto, e all'epoca la Regione Lombardia era guidata da una giunta di centrodestra con a capo un pseudocattolico convinto che le sue convinzioni personali fossero superiori alla legge e potessero tranquillamente calpestare i diritti di chi con tali convinzioni non aveva niente da spartire.

Ma d'altra parte perché stupirsi? La destra, e anche la chiesa, in ogni dove e in ogni quando sono sempre stati sinonimi di negazione dei diritti. Sempre. Non lo dico io, lo dice la storia, per chi la conosce.

Nessun commento: