mercoledì 4 aprile 2018

La app del meteo

La app del meteo è quella cosa che non ci azzecca mai. E non è che si dice che non ci azzecca mai attribuendo alla frase il significato tipico di una cosa che non funziona e allora, per estensione, tutte le cose non funzionano, no, non funziona mai per davvero, laddove per "non funziona" si intende che le previsioni del tempo le faceva più precise il colonnello Bernacca di quando ero giovane io, il colonnello Bernacca - forse qualcuno dei miei lettori più attempati se lo ricorda - inventore della celebre locuzione "Nebbia in Val Padana!"

La famigerata app meteo di cui sopra, che consulto sul mio smartphone verso sera, è quella su cui mi baso per decidere se la mattina dopo andrò a lavorare in bici o in macchina. Ora, io capisco che prevedere in maniera precisa il meteo, operazione basata su lunghe e complesse serie di calcoli con incognite e variabili sempre in agguato, non è semplice per niente, quindi ci sta che una mattina inizi a piovere alle undici invece che alle dieci. Ma se tu, app meteo di 'sta ceppa, mi dici la sera prima che il giorno dopo pioverà, e me lo dici corredando il tutto con tanto di iconcine (sempre di 'sta ceppa) a forma di gocce e fulmini, io il giorno dopo vado a lavorare in macchina e lascio la bici a casa. E lo faccio anche se alle sei, quando esco di casa, ancora non piove, perché penso che comunque inizierà presto, del resto l'ha detto la app.

Se però, in quella giornata lì, c'è da mattina a sera un sole che manco nel Sahara, allora un po' mi girano. In primo luogo perché andare a lavorare in bici a me piace, in secondo luogo perché mi è utile a buttare giù qualche chilo, in terzo luogo perché porto via una macchina da casa che a qualcuno potrebbe servire. Se poi 'sta cosa, invece di essere un errore una tantum si ripete con una certa frequenza, allora non ci siamo, eh.

Conclusione: la app del meteo la vado a disinstallare dallo smartphone e la decisione se andare a lavorare in macchina o in bici la prendo la mattina alle sei, aprendo la finestra.

Nessun commento: