sabato 3 febbraio 2018

A Macerata, davanti ai Caduti

Il (per fortuna mancato) killer di Macerata ha concluso la sua eroica bravata avvolto nel tricolore e facendo il saluto fascista davanti al monumento ai Caduti del paese.

I casi sono due: o l'ha fatto come provocazione oppure l'ha fatto non sapendo che tipo di monumento è quello né cosa vuole ricordare. Considerato che l'eroe in questione è stato candidato nelle file della locale lega nord propendo per la seconda ipotesi.

3 commenti:

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Alberto ha detto...

Seconda ipotesi, sicuro. Maledetta ignoranza e maledetto lui.

Andrea Sacchini ha detto...

Gli hanno trovato in casa il Mein kampf, temo che la sua cultura non vada oltre quella roba lì.