lunedì 3 ottobre 2016

Cristo e i gay

Non so come si comporterebbe Cristo, oggi, coi gay, dal momento che nei Vangeli non se ne fa cenno. Bergoglio dice che quelli che passano a miglior vita non vengono sicuramente respinti, assunto che stride un po' col legame tra omosessualità e demonio di cui hanno sempre cianciato ad esempio Amorth e soci, e che stride ancor di più con la millenaria esecrazione a cui sono sempre stati sottoposti dalla Chiesa, ma tant'è. Del resto è noto che su questi temi all'interno della Chiesa si è sempre viaggiato in ordine sparso.
Avendo una qualche conoscenza dei Vangeli, e quindi delle gesta e degli insegnamenti del Gesù mitologico narrati nei suddetti testi, credo però si possa intuire con un certo margine di sicurezza cosa farebbe a quelli come Bertone.

Nessun commento: