lunedì 19 settembre 2016

Omosessualità e capelli rossi

In fondo è per questo che amo la scienza e detesto la religione. Perché la scienza è quella cosa che spiega che i meccanismi biologici che determinano le preferenze sessuali di un individuo sono i medesimi sia per l'omosessualità che per l'eterosessualità, per il colore dei capelli o degli occhi. Non c'è alcuna devianza, né distorsione, né malattia nell'omosessualità come non ce ne sono nell'eterosessualità. E la scienza spiega queste cose laddove la religione, ancora oggi, racconta che l'omosessualità è ispirata dal demonio. Capite perché sto dalla parte della scienza?

1 commento:

Anonimo ha detto...

io detesto la religione perché è un coacervo di superstizione e idolatria pagana (vedesi il culto delle reliquie e dei santi, di cui non esistono riferimenti in nessun testo del vecchio o del nuovo testamento); perché è l'ennesima casta, perché si pappano miliardi di soldi pubblici; perché sono immorali e predicano la moralità e per tante altre cose; per la loro visione preistorica del sesso; per il loro odio atavico nei confronti delle donne; per la loro crociata contro gli omosessuali e affini; per il loro continuo essere contro il progresso; per il loro marcato anti-evangelismo, talmente marcato che è in contraddizione con lo spirito evangelico dei primi secoli (in cui non c'è traccia di immacolate concezioni, culto dei santi, ricchezza, potere temporale, clero, tribunali ecclesiastici, inquisitori ecc, mercimonio di reliquie).
e infine per il loro essere contro la logica, la scienza, l'uomo, la vita.

adal