lunedì 13 giugno 2016

Vaccini e latte



Imparo adesso dal libro che sto leggendo (Immunità e vaccini, A. Mantovani, ed. Mondadori), che il sostantivo "vaccino" è legato all'omonimo aggettivo, quello che identifica normalmente il latte di mucca e tutti i suoi derivati. La correlazione deriva da una scoperta casuale fatta dal medico inglese Edward Jenner alla fine del '700. Il medico si era accorto che le donne che mungevano il latte, e che venivano a contatto con le pustole delle mucche malate di vaiolo, diventavano immuni alla variante umana della malattia. Per validare la sua osservazione, il medico inglese inoculò quindi l'infezione da vaiolo vaccino in un bambino di 8 anni, dopodiché lo mise in contatto col vaiolo umano: il bambino ne rimase immune. Da qui la correlazione tra vaccino sostantivo e aggettivo.
Ecco, io 'sta cosa non la sapevo.

Nessun commento: