lunedì 1 febbraio 2016

Il Corriere della Sera che non è più



La regressione sociale e civile di un paese non si vede solo nelle grandi cose (e non mi riferisco necessariamente al Family Day o "eventi" simili), ma soprattutto nelle piccole, come certi particolari giornalistici. Perché, ad esempio, il Corriere della Sera deve avere in home page 'sta roba qua? Come ha fatto il principale quotidiano italiano, con alle spalle una storia ultracentenaria e su cui hanno scritto Einaudi, Montanelli, Buzzati, Flaiano e tanti altri grandi a ridursi così? Se voglio leggere il peggio della settimana vado sul Giornale, su Libero, oppure su Dagospia o altri. Sul Corriere della Sera vorrei trovare della buona cronaca, degli approfondimenti sull'attualità che siano seri e possibilmente intelligenti, magari qualche articolo scientifico interessante scritto da gente competente e preparata. Ma immagino che un articolo sul peggio della settimana attiri più clic e interessi più lettori di un approfondimento culturale, politico o scientifico, e in fondo tutto ciò non è nient'altro che lo specchio del (triste) mondo in cui viviamo.

Nessun commento: