domenica 13 dicembre 2015

Ancora su Stefano

Quello che continua a venire alla luce nella terribile vicenda di Stefano Cucchi lascia senza parole. E ciò che non finisce di sorprendere è che a orchestrare tutto, dal pestaggio mortale agli infiniti escamotage per depistare le indagini, sono stati uomini dello stato. Qui non si fa di ogni erba un fascio, non si dice genericamente "stato assassino" o scempiaggini simili - le stronzate populiste le lasciamo a quelli come Salvini - ma si pretende che i singoli responsabili di questo scempio di civiltà e di negazione dei basilari diritti umani rispondano di ciò che hanno fatto, soprattutto a vantaggio degli uomini di stato corretti e leali, che sono ancora la stragrande maggioranza.

Nessun commento: