mercoledì 11 novembre 2015

Cade un altro pezzo della 40



La Consulta ha buttato giù un altro pezzo della famigerata legge 40 sulla fecondazione assistita, una delle leggi più incostituzionali, barbare e liberticide che paese civile abbia mai concepito - nel 2004, quando vide la luce, fu soprannominata la "Ruini-Berlusconi", e questo mi pare dica tutto. Nello specifico, con la pronuncia di oggi "i supremi giudici hanno stabilito che non è reato la scelta nei casi in cui sia finalizzata ad evitare l’impianto di embrioni affetti da gravi malattie trasmissibili, ovvero quelle previste dalla legge 194 sull’aborto".
La legge 40, oggi, esiste praticamente solo sulla carta, essendo di fatto stata svuotata di significato da una lunga serie di pronunce della Corte Costituzionale che, negli anni, ne hanno demolito l'impianto principale. Con la pronuncia di oggi abbiamo fatto un altro piccolissimo passo verso una maggiore civiltà, con buona pace di quel corvaccio nero di Ruini e del suo clan.

Nessun commento: