mercoledì 22 luglio 2015

Unioni civili (e chiacchiere)

"Stiamo lavorando in parlamento a una proposta di legge che riconoscendo le unioni civili tra persone dello stesso sesso riconosca i diritti di tutti, il Pd non si tira indietro rispetto a questa battaglia di civiltà. Lo faremo subito dopo le elezioni. Siamo a buon punto, sono già stati presentati gli emendamenti, c'e' la volonta' di arrivare fino in fondo." (Maria Elena Boschi, 24 maggio 2015, il giorno dopo il referendum che in Irlanda ha reso legali i matrimoni tra persone dello stesso sesso)

"Nel mio partito su questo tema c'è chi vorrebbe di più. Ma le unioni civili non sono più rinviabili." (Matteo Renzi, 24 maggio 2015, come sopra)

"L'accelerazione annunciata le scorse settimane dal Partito democratico sulle unioni civili sembra naufragata in attesa di un documento del governo. Infatti non è ancora arrivata in Senato la relazione tecnica del ministero dell'Economia al disegno di legge, relazione dedicata a verificare la copertura finanziaria. Dunque ancora un giorno di stop ai lavori della commissione Giustizia che rimane bloccata in attesa del parere della commissione Bilancio vincolata al parere dell'esecutivo." (Repubblica, 22 luglio 2015, come volevasi dimostrare)

Nessun commento: