martedì 23 febbraio 2010

Telefascismo

Alcuni mi hanno chiesto in questi giorni come mai non abbia ancora scritto niente su quanto accaduto giovedì scorso ad Annozero. Per chi non avesse seguito la trasmissione, l'argomento era naturalmente lo scandalo di questi giorni della Protezione Civile: appalti, consulenze, intercettazioni, spese gonfiate, soldi pubblici, massaggi al Salaria Village, ecc... Uno scandalo che è ancora al vaglio della magistratura - gli sviluppi si preannunciano piuttosto clamorosi - ma del quale si riescono a delineare abbastanza bene i contorni dalle intercettazioni telefoniche.

Naturalmente, come ci hanno da tempo abituato certi "giornalisti", quando non è più possibile controbattere con argomentazioni efficaci a quanto viene contestato da approfonditi e documentati reportage, la si butta in caciara, come si suol dire, magari sollevando polveroni su argomenti che col caso di cui si discute non c'entrano assolutamente niente - è quello che è successo giovedì. Di questo "incidente" si è occupata abbastanza la stampa in questi giorni - ovviamente Il Giornale e house organ collegati a modo loro -, e anche io volevo scrivere qualcosa, ma ho lasciato perdere perché immaginavo che Travaglio ne avrebbe parlato nel suo Passaparola di ieri pomeriggio. E così infatti è stato. Non mi pare il caso di aggiungere altro.

3 commenti:

adal ha detto...

ci sarebbe da aggiungere che le accuse mosse da Porro e da quell'altro "giornalista" e poi da Feltri nel suo giornale di ieri sono del tutto campate per aria. Travaglio nel suo sito ha già dimostrarto che ciò che dicevano questi servi del potere, era tutto falso. e lo ha dimostrato 6 o 7 mesi fa. E' patetico tirare in ballo delle questioni già risolte e spiegate fin nei minimi particolari. Travaglio aveva anche mostrato le copie del pagamento in quel ristorante e aveva posto le foto nel suo sito per permettere a tutti di visionarle o scaricarle.
L'informazione in Italia è finita, finita completamente.

Andrea Sacchini ha detto...

Sì, la tattica è nota: si cerca appunto di buttarla in caciara tramite le calunnie per evitare di entrare nel merito delle questioni sollevate. Dispiace, un po', che Travaglio abbia abboccato al "tranello" e si sia infervorato. Ma per certi versi è anche da capire.

adal ha detto...

un po' quello che capita in rete con i troll. Nel sito Undicisettembre più di uno fece perdere la pazienza a Paolo e ad altri.