venerdì 10 luglio 2009

Incornato e ucciso dalla... tradizione

Tutti gli anni, l'Encierro, la tradizionale corsa dei tori che si svolge a Pamplona, si conclude con un bilancio più o meno grave a seconda del numero di feriti che finiscono in ospedale. Ovviamente della manifestazione a me non importa un fico secco, così come non me ne frega assolutamente niente di quelli che sono costretti a ricorrere alle cure dei medici, visto che non li obbliga nessuno a mettersi a correre davanti ai tori per le strade della città.

Quest'anno - non accadeva dal 2003 - pare che ci sia scappato il morto: un giovane che sarebbe stato incornato in maniera grave da un toro distaccatosi dal gruppo.

Lo so, sarò cinico, ma in casi come questo neppure di fronte alla morte di un giovane riesco a dispiacermi.

1 commento:

Andrea ha detto...

in effetti con tutte le persone di cui ci dovremmo giustamente dispiacere (vittime innocenti di incidenti stradali, vittime innocenti di furori giustizialisti di polizziotti, governo in carica, etc etc), per questo tipo non trovo proprio il tempo...