giovedì 14 giugno 2007

Il pianto della Melandri

Leggo sul Corriere di un paio di mesi fa che la Melandri ha pianto (foto). Ha pianto perché gli Europei di calcio 2012 sono stati assegnati dal comitato esecutivo della UEFA a Polonia e Ucraina.

Sempre dallo stesso articolo del Corriere:

"Grande la delusione dell'Italia, che credeva molto nell'organizzazione della manifestazione sia per il rilancio del movimento calcistico sia per la ristrutturazione degli impianti".

Già, la ristrutturazione degli impianti. Un'espressione questa che è sinonimo di una cosa sola: denaro pubblico sprecato. Chissà, se la Melandri sapesse che in certe zone d'Italia si stanno abbattendo ancora oggi le opere inutilizzate costruite in occasione di Italia '90 (si, avete capito bene, Italia '90), forse non sarebbe così dispiaciuta che gli Europei 2012 se li siano aggiudicati Polonia e Ucraina.

2 commenti:

  1. mi sembra stupido piangere per certe cose... cmq andre lo sai che viaviamo nel paese delle grandi opere abbandonate

    gianluca

    RispondiElimina
  2. Lo so, lo so, ogni tanto vedo anch'io Striscia...

    RispondiElimina

Ritmi ridotti

Scrivo poco, ultimamente, e leggo tanto. Questo è il motivo per cui, come forse avrete notato, le distanze temporali tra un post e l'alt...